VII FESTIVAL DELLE CORTI 2018

 

Ci sono momenti in cui la cultura si deve assumere la responsabilità di trainare la società civile, quando essa è smarrita o incapace di cercare nuove frontiere esistenziali.

Malgrado lo sviluppo scientifico e le enorme potenzialità comunicative abbiano permeato le nostre esistenze, offrendoci straordinarie capacità di comunicazioni, ci scopriamo sempre più naufraghi su isole deserte, in balia della solitudine e di notti sempre più oscure.

Come è nostra consuetudine, coscienti che il futuro parta dal nostro passato,  proponiamo la settima edizione del Festival delle Corti con l’intento di accendere delle luci nella notte, mostrando quello che spesso non riusciamo a cogliere nelle nostre città. Illuminando il nostro patrimonio artistico, culturale e paesaggistico attraverso rivisitazioni, concerti, spettacoli, laboratori artistici, escursioni e visite guidate.

Mettendo in luce le innumerevoli presenze, talvolta abbandonate o poco visibili, che quotidianamente presiedono i nostri territori, a testimonianza di un passato memorabile, impregnato di spunti e valori che possono contribuire a farci prendere coscienza dei valori etici e sociali che esse rappresentano.

Come sempre ci attenderanno incontri memorabili, con il Console Romano Claudio Marcello e il suo esercito accampato a Suessula durante la seconda guerra punica, con il re Manfredi a Cancello Scalo, alla presenza del Conte di Acerra Tommaso D’Aquino e la moglie Margherita di Svevia in attesa degli gli ambasciatori di Napoli. Conosceremo gli antichi romani che abitarono la Villa di Boscorottto, lungo la Via Popilia; i Sanniti, guardiani del Monte di San Michele a Palombara nei loro luoghi sacri. Ci lasceremo affascinare dai Libri Cadenti dagli alberi delle piazze. Andremo di sera a caccia di Fantasmi alla scoperta degli artisti che ci hanno lasciato opere meravigliose. Decoreremo le vicende e i personaggi illustri del nostro territorio sui muri delle piazze affinche essi siano testimoni del nostro futuro. Premieremo coloro che hanno testimoniato con la vita, la capacità di non arrendersi alle ostilità della vita, ma di accendere una fiammella laddove veniva meno la speranza. I concerti e le performans artistiche ci faranno le bellezze del nostro territorio …vi aspettiamo per riaccendere tante luci nelle nostre notti.

 

Enzo Gagliardi  Direttore Artistico del Festival